Tounee e concerti
© Bart Heemskerk 1/2
© Bart Heemskerk 2/2

La superstar olandese Marco Borsato si è esibito con il suo repertorio al cospetto di 240 000 fan per cinque serate allo stadio De Kuip di Rotterdam nel mese maggio. Le sue canzoni dinamiche e lo stile di performance trascinante hanno richiesto una copertura totale dell’intero stadio all’aperto, e il team di produzione ha scelto di affidarsi alla Serie SL di d&b.

Borsato è un’icona nazionale nei Paesi Bassi con una carriera ventennale ricca di successi e di riconoscimenti. Fa parte di quella manciata di artisti con una fanbase che gli permette di esibirsi per cinque serate di fila in uno degli stadi più grandi del paese - la capacità di cinquantunomila posti del De Kuip (tradotto in italiano ‘La vasca’ - l’affettuoso nomignolo dello stadio Feijenoord).

I sistemi GSL e KSL mi hanno permesso di mixare con un’ampia gamma dinamica - brani soft per piano e massicci aggiustamenti pop - e di ottenere la limpidezza vocale in tutto lo stadio.Barak Koren - FoH Engineer e System Designer

Peak Audio il partner di d&b con sede a Utrecht ha dovuto affrontare la difficile sfida di fornire un sistema che potesse rendere una gamma intera di frequenze nell’impegnativo contesto dello stadio open-air.

Anthony Kappel ha lavorato come System Designer e Chief System Engineer assieme al collega Bart Schouten di Peak Audio, Sistem Designer e Project manager per la serie di concerti.

La serie SL ha offerto una fantastica proiezione con un diagramma polare molto lineare fuori asseBarak Koren - FoH Engineer e System Designer
© Bart Heemskerk

“Essendo tra i primi ad adottare la Serie SL, abbiamo avuto l’opportunità di accumulare molta esperienza con questi cabinet e ancora di più durante la progettazione e la specifica dei sistemi GSL e KSL per i concerti di Marco Borsato,” afferma Schouten. “Abbiamo tratto tantissimi vantaggi dalle accurate simulazioni realizzate utilizzando ArrayCalc di d&b, e eravamo sicuri di poter ottenere i migliori risultati possibili per un concerto in uno stadio come il De Kuip.”

Oltre al software ArrayCalc, il team ha anche utilizzato Array Processing di d&b per determinare con accuratezza il comportamento del line array Serie SL nell’intera area di ascolto all’interno del De Kuip. 

I sistemi GSL e KSL sono risultati chiari, dettagliati e solidi nella gamma grave.Barak Koren - FoH Engineer e System Designer

Il Front of House Engineer e System Designer, Barak Koren, afferma, “ArrayProcessing si è rivelato indispensabile per ottenere una simulazione accurata nella fase di progettazione, fornendo uno strumento potente, in particolare quando durante il concerto si sono verificati cambiamenti di temperatura e di umidità.”

Koren, Schouten e Kappel hanno specificato quaranta cabinet GSL8 per gli array principali di destra-sinistra e altri quaranta per out-fill e ritardi. Come complemento è stata adottata una serie di KSL8 per i main fly-fill, e far fill. GSL12 erano attivi sui brani frontali con l’SL-SUBS posizionato attorno allo stadio. Centootto amplificatori D80 d&b hanno completato la messa a punto.

“I sistemi GSL e KSL mi hanno permesso di mixare con un’ampia gamma dinamica - brani soft per piano e massicci aggiustamenti pop - e di ottenere la limpidezza vocale nell’intero stadio,”prosegue Koren. “Ha offerto una fantastica proiezione con un diagramma polare molto lineare fuori asse.

Le frequenze low-end controllate sono il vantaggio principale per l’acustica dello stadio. Ciò crea nitidezza e permette di mixare in maniera più soft con lo stesso livello di percezione.Barak Koren - FoH Engineer e System Designer

“Abbiamo anche ottenuto tutto questo con un minimo di inquinamento acustico all’esterno dello spazio - in quanto il suono dello stadio open-air si sarebbe potuto diffondere all’esterno nella vicina area residenziale. I risultati sono stati fantastici e non abbiamo ricevuto lamentele, nonostante gli elevati livelli acustici all’interno dello stadio e un ampio spettro di copertura. Il solo sistema che può soddisfare questi requisiti è la Serie SL.”

Le riviste di musica e concerti hanno elogiato ‘i frenetici virtuosismi vocali’ e le ‘emozionanti ballate’, notando come l’acustica dello stadio trasmettesse l’idea di ‘un grande gruppo strumentale’. 

“I sistemi GSL e KSL sono risultati chiari, dettagliati e solidi nella gamma grave” aggiunge Koren. “La copertura era ottima e lineare, quindi è stato più facile mixare. Abbiamo ricevuto fantastiche recensioni, e quindi probabilmente abbiamo realizzato qualcosa di veramente bello!Le frequenze low-end controllate sono il vantaggio principale per l’acustica dello stadio. Ciò crea chiarezza e permette di mixare in maniera più soft con lo stesso livello di percezione.”