Tour e Concerti

d&b GSL per i Green Day allo Estadio Velez di Buenos Aires.

1/3
2/3
3/3

La band punk rock americana Green Day ha trascorso il 2017 in un tour mondiale attraverso Australia, Europa, Canada, USA e Sud America. In Novembre, arrivati in Argentina allo Estadio Velez, il pubblico, la band e la squadra tecnica erano attesi da una anteprima a sorpresa. Il PA, infatti, era il nuovissimo d&b Serie SL, il sistema GSL che ricopre la più alta posizione nel catalogo d&b di soluzioni line-array, qui al debutto in  Sud America. BALS –  Bueno Aires Live Shows, una tra le maggiori rental company argentine, era infatti il fornitore locale di audio e luci. Il sistema GSL gli era stato consegnato appena la settimana precedente la data dei Green Day – e i risultati ottenuti sono stati semplicemente eccezionali.

Lo Estadio Velez di Buenos Aires ha una capacità di quarantacinquemila posti, ed è in cima alla lista degli spazi visitati da tour ed eventi di rilevanza globale. La squadra tecnica di BALS era più che ansiosa di mettere alla prova il nuovo sistema. GSL è all'apice della famiglia di sistemi line-array d&b, con un'offerta di potenza e di prestazioni innovative che lo posizionano ben al di sopra dei già iconici sistemi d&b Serie J.

Quando la squadra dei tecnici di Green Day è arrivata allo stadio con in testa Kevin Lemoine, fonico FoH della band da tempo immemore, e Clark Thomas, system engineer, le aspettative erano già molto alte. Come utilizzatori Serie J di grande esperienza, oltre che noti fan d&b, il desiderio di utilizzare GSL era evidente, e il risultato ottenuto è stato subito chiaro: "Il prossimo anno dovremmo averlo in tour con noi, questo sistema," ha concluso Clark Thomas dopo giusto un paio di minuti di ascolto.

Dopo l'ascolto del PA installato allo Estadio Velez, già prima del concerto la reazione dei tecnici BALS era un misto di sbigottimento e incredulità per l'omogeneità timbrica sul campo, le tribune più basse e quelle  al lato opposto, così come per l'assenza di rimbombo alle spalle del PA, e già ancora senza sub. Macaio, distributore partner d&b per l'Argentina, ha affermato che questo era l'audio più trasparente mai ascoltato in assoluto in questo stadio.

"La migliore espressione nel mixaggio live che io abbia mai sperimentato," ha commentato Lemoine, "vien voglia di provare nuovi microfoni, perché finalmente posso sentire ogni sfumatura. Compressori, preamp, EQ differenti, finalmente le differenze sono apprezzabili. È eletrizzante, la voglia di utilizzare quotidianamente un sistema GSL ti prende fin dai primi istanti. Detto da chi è familiare con ogni sistema PA di livello superiore, è bello sapere che questo è onestamente il migliore in assoluto. Non vedo l'ora di poterlo ascoltare ancora." 

Dopo il concerto, Kevin era ancora più d'accordo con Clark: "il nuovo d&b Serie SL di gran lunga il miglior PA sul pianeta. È realmente spaventosa, la quantità di pura emozione che questo sistema proietta. Non avevo mai sperimentato un controllo così totale sul suono di un PA... qualsiasi minuscola variazione agli EQ, movimenti impercettibili dei fader, qualsiasi parametro variato appena sugli effetti, tutto acquista significato con il GSL e può essere ascoltato nella maniera più onesta."

Dalla prospettiva del system engineer, Clark Thomas ho lodato le prestazioni per molte diverse ragioni. Spostandosi tra la copertura del main GSL e i laterali Serie J, ha trovato la transizione graduale e coerente. E aggiunge, "GSL è il PA più piacevole che io abbia mai avuto il piacere di utilizzare. È veramente un enorme sistema hi-fi a tutta gamma. Proietta molto lontano, ma con eccellente equilibrio timbrico, e sento che può lavorare splendidamente con qualsiasi genere o contenuto. E devo essere onesto, non ho sentito alcun rumore alle spalle del PA nemmeno camminandogli dietro."

Per gli standard odierni, Green Day ha un organico molto diretto, tre front-liner accompagnati da un paio di musicisti ospiti, per un totale di soli 22 canali alla regia FOH. Quello che la band non vanta in numero di canali, però, Kevin lo trasforma in giocattoli, perché lavora quasi esclusivamente nel dominio analogico, con un'intera collezione di effetti boutique. Il risultato finale, all'Estadio Velez interamente gremito con 37mila presenze, era squisitamente controllato dalle abili mani di Kevin. Il suono dei Green Day è ricco di dinamiche a tutto spettro, non certo un problema per il GSL, che ha risposto a due ore e mezza di impetuose chitarre senza alcuno sforzo.

Il nuovo d&b Serie SL è di gran lunga il miglior PA sul pianeta. È realmente spaventosa, la quantità di pura emozione che questo sistema proietta. Non avevo mai sperimentato prima d'ora un controllo così totale sul suono di un PA.Kevin Lemoine, fonico FoH, Green Day